Informative on line - 2012

INFORMATIVA N. 12 DEL 11 OTTOBRE 2012 STAMPA

Novità in materia di detrazioni d’imposta per le erogazioni liberali ai partiti politici e alle ONLUS

INDICE

1. Premessa 2. Detrazioni d’imposta per le erogazioni liberali a favore di partiti e movimenti politici 2.1 Detrazione ai fini IRPEF
  2.1.1 Decorrenza
  2.1.2 Soggetti beneficiari delle erogazioni
  2.1.3 Misura della detrazione
  2.1.4 Limiti di importo delle erogazioni detraibili
  2.1.5 Modalità di effettuazione delle erogazioni
  2.1.6 Esclusione del diritto alla detrazione

2.2 Detrazione ai fini IRES
  2.2.1 Decorrenza
  2.2.2 Percentuale di detrazione
  2.2.3 Soggetti eroganti
  2.2.4 Soggetti beneficiari delle erogazioni
  2.2.5 Limiti di importo delle erogazioni detraibili
  2.2.6 Modalità di effettuazione delle erogazioni
  2.2.7 Esclusione del diritto alla detrazione

3. Detrazione IRPEF per le erogazioni liberali a favore di ONLUS e di iniziative umanitarie 3.1 Misura della detrazione
3.2 Decorrenza
3.3 Iniziative umanitarie
3.4 Limiti di importo delle erogazioni detraibili
3.5 Modalità di effettuazione delle erogazioni
3.6 Possibilità di deduzione dal reddito complessivo

1. PREMESSA

Con la L. 6.7.2012 n. 96 è stata modificata la disciplina riguardante:
• la detrazione d’imposta ai fini IRPEF e IRES in relazione alle erogazioni liberali in denaro effettuate in favore di partiti e movimenti politici (art. 7 co. 1 e 4);
• la detrazione d’imposta ai fini IRPEF in relazione alle erogazioni liberali in denaro effettuate in favore di ONLUS e di soggetti che gestiscono iniziative umanitarie (art. 15 co. 2 e 3).

TOP

2. DETRAZIONI D’IMPOSTA PER LE EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI PARTITI E MOVIMENTI POLITICI

2.1 DETRAZIONE AI FINI IRPEF
L’art. 7 co. 1 della L. 6.7.2012 n. 96 modifica la disciplina dell’art. 15 co. 1-bis del TUIR, in materia di detrazione IRPEF del 19% in relazione alle erogazioni liberali in denaro effettuate in favore di partiti e movimenti politici.

Per effetto delle nuove disposizioni viene:
• ampliato l’ambito dei soggetti beneficiari delle erogazioni liberali detraibili;
• aumentata la percentuale di detrazione spettante;
• ridotto l’ammontare delle erogazioni liberali che possono fruire della detrazione.

2.1.1 Decorrenza
Le nuove disposizioni si applicano a decorrere dal 2013.

Pertanto, in ossequio al principio di cassa applicabile agli oneri detraibili, deve ritenersi che le nuove disposizioni si applichino a partire dalle erogazioni liberali effettuate dal 2013.

2.1.2 Soggetti beneficiari delle erogazioni
A decorrere dal 2013, la detrazione IRPEF spetta in relazione alle erogazioni liberali in denaro effettuate in favore dei partiti e dei movimenti politici:
• che abbiano presentato liste o candidature elettorali alle elezioni per il rinnovo della Camera dei Deputati o del Senato della Repubblica o dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia;
• oppure che abbiano almeno un rappresentante eletto a un Consiglio regionale o ai Consigli delle Province autonome di Trento e di Bolzano.

Attualmente, invece, come stabilito dalla ris. Agenzia delle Entrate 15.2.2005 n. 15, recepita dalle istruzioni ai modelli 730 e UNICO PF, per usufruire della detrazione IRPEF le erogazioni liberali devono essere effettuate a favore di partiti o movimenti politici che, nel periodo d’imposta in cui l’erogazione è effettuata, abbiano o abbiano avuto almeno un parlamentare eletto alla Camera dei Deputati o al Senato della Repubblica.

In sostanza, per effetto delle nuove disposizioni, diventano detraibili anche le erogazioni liberali a partiti e movimenti politici che:
• abbiano presentato liste o candidature alle elezioni politiche, anche se non viene eletto alcun deputato o senatore;
• abbiano presentato liste o candidature alle elezioni europee, anche se non viene eletto alcun parlamentare europeo;
• abbiano almeno un rappresentante eletto a un Consiglio regionale o ai Consigli delle Province autonome di Trento e di Bolzano.

2.1.3 Misura della detrazione
Per effetto della nuova disciplina, le erogazioni liberali in denaro a favore dei partiti e movimenti politici beneficiano di una detrazione IRPEF aumentata:
• dal 19% al 24%, per l’anno 2013;
• al 26%, a decorrere dall’anno 2014.

2.1.4 Limiti di importo delle erogazioni detraibili
Dal 2013, la detrazione IRPEF sulle erogazioni liberali in denaro a favore dei suddetti partiti e movimenti politici spetta in relazione ad importi delle erogazioni compresi tra 50,00 e 10.000,00 euro annui.

La detrazione spettante:
• per l’anno 2013, considerando l’aliquota del 24%, è quindi compresa tra un minimo di 12,00 euro e un massimo di 2.400,00 euro;
• a partire dall’anno 2014, considerando l’aliquota del 26%, è quindi compresa tra un minimo di 13,00 euro e un massimo di 2.600,00 euro.

Fino al 2012, invece, la detrazione spetta per le erogazioni liberali di importo compreso tra 51,65 e 103.291,38 euro. La detrazione spettante, considerando l’aliquota del 19%, è quindi compresa tra un minimo di 9,81 euro e un massimo di 19.625,36 euro.

2.1.5 Modalità di effettuazione delle erogazioni
Come in precedenza, per beneficiare della detrazione, le erogazioni liberali a favore di partiti e movimenti politici devono essere effettuate mediante versamento bancario o postale.

2.1.6 Esclusione del diritto alla detrazione
Ai sensi dell’art. 7 della L. 2.1.97 n. 2, la detrazione in esame non spetta se il contribuente, nella dichiarazione relativa ai redditi del periodo d’imposta precedente, ha dichiarato perdite che hanno determinato un reddito complessivo negativo.

2.2 DETRAZIONE AI FINI IRES
Con l’art. 7 co. 4 della L. 6.7.2012 n. 96 viene modificato anche l’art. 78 del TUIR, in relazione alla detrazione d’imposta spettante ai soggetti IRES per le erogazioni liberali in denaro effettuate in favore dei partiti e movimenti politici.

2.2.1 Decorrenza
Anche le nuove disposizioni ai fini IRES si applicano a decorrere dal 2013.

Pertanto, anche ai fini IRES deve ritenersi che le nuove disposizioni si applichino a partire dalle erogazioni liberali effettuate dal 2013.

2.2.2 Percentuale di detrazione
Ai fini IRES rimane però ferma l’attuale misura percentuale della detrazione, pari al 19%.

2.2.3 Soggetti eroganti
Come in precedenza, i soggetti IRES che possono effettuare erogazioni liberali a partiti e movimenti politici, beneficiando della detrazione d’imposta del 19%, sono le società di capitali, le società cooperative, le mutue assicuratrici e gli enti commerciali, residenti in Italia, ad esclusione:
• degli enti nei quali vi sia una partecipazione pubblica o i cui titoli siano negoziati in mercati regolamentati italiani o esteri;
• delle società ed enti che controllano, direttamente o indirettamente, tali soggetti, ovvero ne siano controllati o siano controllati dalla stessa società o ente che controlla i soggetti medesimi.

2.2.4 Soggetti beneficiari delle erogazioni
La “nuova” detrazione IRES del 19% spetta in relazione alle erogazioni liberali in denaro effettuate in favore degli stessi partiti e movimenti politici che danno diritto alla detrazione IRPEF del 24-26%.

Anche ai fini IRES, pertanto, si ha un ampliamento dei partiti e movimenti politici nei confronti dei quali possono essere effettuate erogazioni liberali detraibili, come sopra indicato ai fini IRPEF.

2.2.5 Limiti di importo delle erogazioni detraibili
La detrazione IRES del 19% sulle erogazioni liberali in denaro effettuate a favore dei suddetti partiti e movimenti politici spetta in relazione ad importi delle erogazioni compresi tra 51,65 e 103.291,38 euro.

Ai fini IRES, pertanto, rimangono fermi i precedenti importi, più elevati, previsti ai fini IRPEF fino al 2012.

2.2.6 Modalità di effettuazione delle erogazioni
Come in precedenza, per beneficiare della detrazione, le erogazioni liberali a favore di partiti e movimenti politici devono essere effettuate mediante versamento bancario o postale.

2.2.7 Esclusione del diritto alla detrazione
Ai sensi dell’art. 7 della L. 2.1.97 n. 2, la detrazione in esame non spetta se il soggetto IRES, nella dichiarazione relativa al periodo d’imposta precedente, ha dichiarato perdite di esercizio.

TOP

3. DETRAZIONE IRPEF PER LE EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI ONLUS E DI INIZIATIVE UMANITARIE

L’art. 15 co. 2 e 3 della L. 6.7.2012 n. 96 modifica invece la disciplina dell’art. 15 co. 1 lett. i-bis) del TUIR, in materia di detrazione IRPEF del 19% in relazione alle erogazioni liberali in denaro effettuate a favore:
• delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS);
• dei soggetti che gestiscono iniziative umanitarie.

3.1 MISURA DELLA DETRAZIONE
Per effetto del nuovo co. 1.1 dell’art. 15 del TUIR, le erogazioni liberali in denaro effettuate a favore delle ONLUS e dei soggetti che gestiscono iniziative unitarie beneficiano di una detrazione IRPEF aumentata:
• dal 19% al 24%, per l’anno 2013;
• al 26%, a decorrere dall’anno 2014.

3.2 DECORRENZA
Le nuove disposizioni si applicano a decorrere dall’1.1.2013.

Pertanto, in ossequio al principio di cassa applicabile agli oneri detraibili, deve ritenersi che le più elevate detrazioni spettino a partire dalle erogazioni liberali effettuate dall’1.1.2013.

3.3 INIZIATIVE UMANITARIE
Come in precedenza, ai fini della detrazione delle erogazioni liberali, le iniziative umanitarie devono essere:
• gestite da fondazioni, associazioni, comitati ed enti individuati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri;
• effettuate nei Paesi non appartenenti all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Le iniziative umanitarie in esame possono essere sia religiose che laiche.

3.4 LIMITI DI IMPORTO DELLE EROGAZIONI DETRAIBILI
La detrazione IRPEF sulle erogazioni liberali a favore delle ONLUS e dei soggetti che gestiscono iniziative umanitarie spetta su un ammontare complessivo non superiore a:
• 2.065,83 euro, fino all’anno 2012; la detrazione massima ottenibile, considerando l’aliquota del 19%, è quindi pari a 392,51 euro;
2.065,00 euro, a partire dall’anno 2013; la detrazione massima ottenibile è quindi pari a:
- 495,60 euro, per il 2013, considerando l’aliquota del 24%;
- 536,90 euro, dal 2014, considerando l’aliquota del 26%.

3.5 MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE DELLE EROGAZIONI
La detrazione IRPEF è consentita a condizione che il versamento delle erogazioni liberali in esame sia eseguito:
• tramite banca (es. bonifico);
• oppure tramite ufficio postale (es. versamento su conto corrente intestato al beneficiario);
• oppure mediante gli altri sistemi di pagamento previsti dall’art. 23 del DLgs. 241/97, cioè mediante carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari;
• oppure secondo ulteriori modalità idonee a consentire all’Amministrazione finanziaria lo svolgimento di efficaci controlli, che possono essere stabilite con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze.

3.6 POSSIBILITÀ DI DEDUZIONE DAL REDDITO COMPLESSIVO
In alternativa alla detrazione d’imposta (19% fino al 2012, 24% per il 2013 e 26% dal 2014), le erogazioni liberali in denaro effettuate a favore delle ONLUS possono essere dedotte dal reddito complessivo IRPEF:
• entro il limite massimo del 10% del reddito dichiarato e, comunque, di 70.000,00 euro annui, ai sensi dell’art. 14 co. 1 - 6 del DL 14.3.2005 n. 35 convertito nella L. 14.5.2005 n. 80;
• nel rispetto delle condizioni ivi previste.

TOP

1991-2019 © Consulenza d’Impresa S.r.l. ® - Tutti i diritti sono riservati | web design tream adv

partner of
Partner of EXPO 2015 Milan